Supella longipalpla, la blatta che non ti aspetti - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Supella longipalpla, la blatta che non ti aspetti

longipalpa

Quando si pensa a una blatta la prima cosa che viene in mente è un animale veloce, nero, con la corazza, e viene associato a qualcosa di brutto, o comunque disgustoso. Non per tutti ovviamente. Eppure, da qualche tempo a questa parte, molti si trovano in un singolare faccia a faccia con un altro tipo di blatta, la Supella longipalpa. In Italia non eravamo abituati a questo tipo di insetto, ma in seguito al cambiamento climatico anche questo animaletto ha deciso di entrare nelle nostre case. Se ti ritrovi davanti a una blatta dal colore marrone, sei con tutta probabilità in presenza della Supella longipalpa, e non c’è niente di piacevole in questo incontro, dato che esattamente come gli scarafaggi nostrani, anche questa entra nelle nostre case alla ricerca di cibo e di dimora stabile: morale della storia, sbarazzarsene, quando creano una colonia, diventa molto difficile.

 

Chi è Supella longipalpa

 

La Supella longipalpa è la blatta che non ti aspetti, ma che dovrai imparare a conoscere bene se vuoi evitare che si mangi i tuoi libri, i tuoi mobili e il tuo cibo. Questo insetto non è autoctono, ma arriva dal Sudan. Nel giro di pochi anni si è praticamente diffuso in tutto il mondo, mentre in Italia è arrivato di recente. In principio ha preferito le zone più calde dei territori meridionali, ma ora Supella ha trovato un habitat favorevole in tutta la penisola, quindi incontrarla non è più una cosa rara.

Come abbiamo detto Supella è una blatta dal colore marrone e ha una lunghezza di circa 12-16 millimetri. In America è conosciuta anche come brown banded cockroach a causa della sua curiosa colorazione con alcune striature, mentre in Italia è nota anche come blatta dei mobili, per via delle sue abitudini. A tale proposito va detto che ti può capitare di incontrarla proprio all’interno dei mobili e il motivo è che preferisce gli habitat a clima temperato e posizionati in alto, ecco perché non è raro trovarla nei pensili, controsoffitti , scaffalature varie.

 

Di cosa si ciba

 

SupellaEcco che arrivano le dolenti note perché Supella longipalpa è onnivora e non disdegna anche di cibarsi della colla, soprattutto quella di origine animale. Questo, come puoi facilmente intuire, significa che può divorare perfino la rilegatura dei libri, e quindi va a colonizzare anche ambienti che non immagineresti, come gli uffici. Da qui si comprende quali possano essere i problemi legati alla presenza di scarafaggi in casa, in particolare di questa specie. Supella però, come i suoi parenti nostrani, ama il nostro cibo, per cui si può incontrare con una certa frequenza anche nelle cucine di casa come in quelle dei ristoranti e in questo secondo caso il problema assume proporzioni ben più ampie perché in caso di controllo dei nas, se hai un locale di ristorazione, puoi rischiare una salata multa e perfino la chiusura del locale.

La presenza di Supella, però, è un problema soprattutto per via del fatto che, come le altre blatte, è un vettore di agenti patogeni, per cui, se ne vedi anche una sola, devi correre immediatamente ai ripari, se invece hai notato più di un esemplare, è possibile che sia in atto una vera infestazione, a questo punto l’unica cosa sensata che puoi fare è rivolgerti a un professionista della disinfestazione che saprà certamente risolvere il problema con rapidità.

 

Ciclo riproduttivo di Supella longipalpa

 

Supella è un tipo di blatta molto prolifico e discretamente longevo, infatti vive circa 10 mesi. La femmina adulta produce l’ooteca al cui interno si trovano le uova. Per circa un paio di giorni porta l’ooteca dentro di se, ma poi la deposita in un luogo caldo e sicuro. Per capire come può avvenire un’infestazione basta pensare che una femmina può produrre circa 14 ooteche e ogni ooteca contiene circa 12 uova. Come riconoscere le ooteche? Non è difficile in realtà: sono lunghe circa 4-6 millimetri e sono raggruppate su superfici, possibilmente ruvide, come le parti inferiori dei tavoli e delle sedie, interno dei mobili, sotto ai letti. L’incubazione delle uova ha un periodo di circa 50-75 giorni dopo di che le uova si schiudono e nascono le neanidi che restano in questo stadio per circa 160 giorni. Tutto questo serve per capire che un’infestazione di Supella può essere molto frequente e che dunque tutti i possibili habitat vano costantemente monitorati, soprattutto in seguito a una precedente infestazione.

 

Come si elimina Supella

 

Diciamo che Supella longipalpa può essere eliminata praticamente come la Blatella germanica. Uno dei metodi più efficaci è il gel che si applica, in modeste quantità, nei siti dove l’animale si annida. Il gel è un ottimo modo per sbarazzarsi di questo insetto in quanto non c’è bisogno di preparare gli ambienti prima di applicarlo, il prodotto è completamente inodore, per cui può essere utilizzato in qualsiasi ambiente, e non comporta rischi per l’uomo. Dopo un intervento di disinfestazione è molto importante monitorare il sito perché altri esemplari potrebbero giungere, soprattutto dalle tubature. Se l’infestazione è in un appartamento, è molto probabile che negli altri appartamenti dello stesso stabile vi sia un’infestazione, in questo caso, poiché dato l’argomento è difficile capire se questa vi sia o meno, è bene chiudere tutti i possibili ingressi, anche quelli più piccoli, onde evitare una nuova infestazione.

Torna alla lista degli articoli
Top