Liberarsi da un'infestazione di mosche - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 87 9586 oppure scrivici

Liberarsi da un’infestazione di mosche

infestazione mosche

Siamo ormai nel pieno della stagione estiva. Molti sono già in ferie e si godono le meritate vacanze all’aria aperta: casa al mare, in campagna, tutto meravigliosamente rilassato e piacevole, tranne che per un particolare: gli insetti. Purtroppo col caldo molti insetti prolificano, come le mosche. Si dice che non vi sia insetto più noioso, che si posa e si riposa sempre sullo stesso punto anche se viene scacciato, ma la mosca, purtroppo, non è solo fastidiosa, è soprattutto pericolosa per la nostra igiene e di conseguenza per la nostra salute. Il caso di Carla è un caso molto comune, ma si può evitare di arrivare a certi limiti e liberarsi dalle mosche.

 

Infestazione mosche: no grazie

 

Carla ha commesso un errore. Una dimenticanza, una banalità di quelle che possono capitare a tutti, ma che in questi casi, esattamente come è accaduto a lei, può significare dover risolvere un problema anche piuttosto consistente.

Lo scorso anno Carla doveva andare in vacanza dalla madre per una quindicina di giorni. Aveva quindi sistemato tutta la casa, chiuso i pacchi di pasta, staccato luce e gas, levato le provviste dal congelatore e dal frigo, staccato la corrente. Tutto pronto. Era quindi partita serenamente pensando di aver fatto tutto quello che, normalmente, si dovrebbe fare quando ci si allontana da casa per un periodo.

Finite le vacanze la donna era tornata a casa, e li aveva trovato la brutta sorpresa. Aprendo lo sportello del frigo per riporvi le nuove provviste aveva trovato il pacco di fettine invaso dai vermi delle mosche. In un attimo aveva realizzato ciò che prima aveva completamente rimosso, cioè di aver dimenticato un pacco di fettine in un angolo del frigorifero, non lo aveva proprio visto al momento di svuotarlo!

Sono quelle cose che possono capitare quando si è di fretta, magari sovrappensiero, ma che possono causare gravi problemi. Nel caso di Carla, fortunatamente, il problema era tutto sommato circoscritto, un po’ di buona volontà e il frigo era stato nuovamente pulito e disinfettato, ma le mosche possono davvero causare grossi problemi di igiene.

 

Impara a conoscere le mosche e le loro abitudini

 

mosche2Le mosche sono presenti praticamente ovunque, si adattano facilmente agli ambienti domestici e si riproducono molto rapidamente. Ne esistono oltre 570 specie, ma nel nostro Paese sono 5 le specie più diffuse: la mosca domestica, il moscone blu, il moscone verde, il moscone grigio e la mosca del formaggio.

Ogni femmina può arrivare a deporre centinaia di uova, il numero varia in base alla specie, le uova poi diventeranno larve, dopo un tempo di incubazione che dipende dalla temperatura dell’ambiente e dalla specie. Solitamente si parla comunque di pochi giorni. Prima di diventare mosche adulte, le larve devono superare tre stadi, poi si impupano e diventano mosche adulte.

Come abbiamo detto le mosche si trovano ovunque data la loro facilissima adattabilità, quindi in tutte le zone climatiche. Infestano tutto, dalle carni ai formaggi, dai resti di animali morti agli escrementi, insomma, tutte le sostanze organiche per loro rappresentano una fonte di cibo e quindi di vita. Vi sono poi alcune mosche che si nutrono anche di sangue, e queste possono diventare davvero molto insidiose anche per l’uomo.

 

Un’insidia per la salute dell’uomo

 

Le mosche, a causa delle loro abitudini, sono vettori di diverse malattie, alcune anche gravi, che diffondono non per mezzo di morsi e punture, ma meccanicamente, ovvero, mediante contatto fisico con gli agenti patogeni che si possono trovare tra i rifiuti, materiali contaminati, sporcizia. L’agente patogeno viene così trasmesso in modo passivo mediante feci, rigurgito o per contatto tra corpo dell’insetto e i prodotti alimentari, ecco perché è così importante proteggere il nostro cibo dal contatto con le mosche.

La mosca comune è vettore di una malattia molto nota e molto temuta, il colera. Questa è una malattia che fortunatamente nei Paesi industrializzati e dove il grado di igiene è elevato, è praticamente scomparsa, ma che in altri luoghi del mondo è ancora diffusa. Viene trasmessa mediante l’ingestione di cibo contaminato con feci di mosca infette. La malattia, causata da dei batteri che producono una tossina, si manifesta mediante diarrea acquosa e vomito, cose che causano una grave disidratazione e morte, se non viene curata.

Un’altra malattia trasmessa dalla mosca comune, dal moscone della carne e dalla mosca carnaria è la Shigellosi. Questa patologia è meno conosciuta del colera ma ugualmente temibile. La malattia causa dissenteria e si contrae sempre per ingestione di cibo o di acqua contaminati. Il batterio prolifica dove l’igiene è scarsa.

Ci sono poi diverse altre patologie molto serie, come la Tripanosomiasi africana, veicolata dalla mosca tsè-tsè e dalla mosca cavallina, la dissenteria amebica e perfino l’antrace. Insomma, bastano solo questi pochi agenti patogeni per farci capire quanto sia fondamentale curare al massimo l’igiene e tenere quanto più alla larga possibile le mosche.

 

Come scoprire un’infestazione di mosche

 

stop moscheUna mosca che svolazza per casa o nel ristorante, non significa che sia in atto un’infestazione, è certamente un fastidio, ma di sicuro non un pericolo. Come si fa però a riconoscere un’infestazione in corso? Uno dei segnali più comuni sono delle macchiette molto piccole nelle parti più elevate, come per esempio sul soffitto, lampadari, insomma, quelle zone a cui non si fa attenzione tutti i giorni e che sono più difficili da pulire.

Vedere tutti giorni diverse mosche può essere un segnale. Se sono due o tre, o se si abita in campagna, potrebbe trattarsi solo della presenza sporadica di mosche provenienti dall’esterno, tuttavia, in questo caso, è bene fare tutte le dovute verifiche. Si devono controllare eventuali depositi d’acqua, pneumatici e fioriere che siano sature di acqua.

Se c’è qualche zona con dei rifiuti alimentari, magari nei bidoni dell’immondizia, controllare che non vi siano bigattini, le larve della mosca.

Non ci sono altri segnali significativi della loro presenza, ma in generale possiamo dire che un controllo quotidiano di questi luoghi e tenere sotto controllo la presenza di mosche in casa è di grande aiuto per poter rilevare un’eventuale infestazione.

 

Come si previene l’infestazione di mosche

 

Come sempre la prevenzione è ancora più efficace di una disinfestazione, anche se non sempre è possibile. In linea generale, se vogliamo impedire che le mosche prolifichino in casa, dobbiamo osservare dei semplici accorgimenti.

La prima cosa che si deve fare è cercare di non attrarle. L’attrazione per le mosche significa cibo, oppure luoghi particolarmente favorevoli per la loro prolificazione.

  • Iniziamo dagli alimenti. Il cibo deve essere sempre fuori dalla loro portata. Si devono eliminare sempre tutti i residui di cibo. Gli avanzi vanno coperti e ben sigillati e riposti in luoghi idonei, come il frigorifero per quelli deperibili e la dispensa per gli altri.
  • Si devono eliminare tutte le tracce dei nostri pasti, quindi pulire subito le briciole, spazzare a terra, pulire bene anche sotto gli elettrodomestici.
  • Eventuali raccoglitori dell’immondizia devono essere ben coperti e svuotati
  • Se si possiede un animale domestico, che sia un cane, un gatto, un roditore o perfino gli uccellini, si deve sempre curare la loro igiene, tenendo pulito soprattutto il luogo dove mangiano, se si tratta di animali in gabbia, questa va pulita periodicamente e il cibo cambiato di frequente.
  • Se si ha del compost, questo va chiuso e coperto in modo da evitare di attrarre le mosche.
  • Gli scarichi devono essere sempre perfettamente puliti e scorrevoli, si deve evitare di farli ristagnare, eventualmente trattarli con candeggina o altri prodotti per renderne più fluido lo scorrimento può essere una buona soluzione.
  • Per lo stesso motivo si devono controllare le tubature e i canali dell’acqua che quindi non devono mai essere bloccati o ostruiti in nessun modo. I serbatoi dell’acqua devono essere coperti con un coperchio.
  • Non si devono mai lasciare ristagni di acqua, e questo va fatto non solo per evitare la presenza delle mosche, ma anche quella delle zanzare.
  • Ovviamente un modo molto efficace per tenere fuori da casa le mosche è quello di installare in tutte le finestre e le porte d’ingresso agli ambienti al chiuso delle zanzariere. Cercare di non far trapelare al di fuori di casa nelle ore notturne, magari abbassando le tapparelle o tirando le tende, può aiutare, infatti le mosche sono attratte dalla luce.

 

Come eliminare un’infestazione di mosche

 

moscheQuando si parla di una o di qualche mosca presumibilmente entrata dall’esterno, di solito per eliminarle si utilizzano i prodotti normalmente presenti sul mercato. In genere si parla di spray insetticidi che vanno spruzzati nell’ambiente, con tutti i rischi che questo comporta. Se usati in modo improprio, infatti, possono essere molto rischiosi per la salute, data la loro tossicità, soprattutto per bambini e animali domestici. Inoltre questi prodotti non sono efficaci per vere infestazioni.

Ci sono poi le carte appiccicose a base di sostanze che attraggono le mosche. Questo tipo di carta moschicida funziona in modo molto semplice e in commercio se ne trovano di diversi tipi. In pratica la mosca è attratta dalla carta, che è appunto appiccicosa, e quindi finisce catturata. Di sicuro non è un bel vedere e il rischio è che vengano attratte molte più mosche di quelle che ci sarebbero normalmente.

Ci sono anche le lampade catturainsetti, quelle che emettono una luce che attrae anche le mosche mediante delle luci al neon UV o a led. Le mosche vengono attratte dalla luce e poi restano intrappolate, quindi eliminate completamente dalla circolazione. Anche in questo caso, però, se l’infestazione è seria potrebbe essere difficile eliminare le mosche dalla casa o dall’azienda.

Infine ci sono diversi metodi fai da te che in realtà possono funzionare nel caso di una mosca sporadica ma che con un’infestazione importante non sono così efficaci.

In questi casi, soprattutto quando si tratta di luoghi di lavoro, è preferibile ricorrere subito a una disinfestazione uffici le mosche o del ristorante, ma anche di casa, professionale che garantisca ottimi risultati e in tempi contenuti. Se pensi di avere un’infestazione di mosche, scegli il servizio affidabile ed efficace dei professionisti della disinfestazione.

Torna alla lista degli articoli
Top