Come eliminare le mosche che proliferano in casa - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Come eliminare le mosche che proliferano in casa

Con l’arrivo dell’autunno le nostre case cominciano a pullulare di mosche in cerca di un luogo confortevole dove ripararsi dal freddo e dove trovare cibo. Non c’è cosa più fastidiosa di una mosca che ci ronza continuamente intorno mentre stiamo mangiando oppure che ci sveglia nel cuore della notte con il suo ronzio molesto, posandosi su ogni parte del corpo.

 

Fastidio a parte, non bisogna sottovalutare la presenza delle mosche perché si tratta di veri e propri parassiti in grado di trasportare agenti patogeni e di diffondere malattie quali la salmonella e l’Escherichia Coli. La regola numero uno per tenerle alla larga è l’igiene: è indispensabile tenere pulita la casa, eliminare ogni residuo di cibo e non lasciare gli alimenti fuori dal frigorifero, soprattutto scoperti, in quanto le mosche sono attirate proprio dal loro odore.

Un po’ di infarinatura sulle mosche

La mosca fa parte dell’ordine dei ditteri, cui appartengono oltre 70.000 specie che si distinguono per il fatto di possedere solo due ali. Ne esistono diverse varietà; la più comune è la mosca domestica, riconoscibile dal torace grigio con quattro strisce scure e dall’addome grigio-brunastro.

E’ talmente feconda da arrivare a deporre, nel giro di pochi giorni, fino a 1000 uova. Queste vengono deposte su sostanze organiche in putrefazione che costituiranno il cibo per le larve. Ecco perché le vediamo proliferare soprattutto intorno agli accumuli di immondizia lasciati incustoditi. E’ importante individuare eventuali siti di sviluppo, come rifiuti marcescenti che costituiscono nutrimento per le larve, e procedere alla loro eliminazione. 

 

Rimedi naturali

Esistono degli ottimi rimedi naturali per allontanare le mosche. Vediamone alcuni.

  • Trappola con aceto: preparate una trappola per mosche riempiendo per metà un vasetto con aceto di mele e richiudendolo con un coperchio nel quale avrete praticato dei fori sufficientemente grandi per permettere alle mosche di entrarvi.
  • Strisce moschicide: stendete una soluzione dolce che attiri le mosche fatta con zucchero, aceto di mele e acqua, su delle strisce di cartone da appendere nelle zone più infestate.
  • Piante: l’odore di alcune piante è considerato un ottimo deterrente contro le mosche; tra queste troviamo la menta, l’alloro, il basilico, la lavanda e i fiori di garofano.
  • Spray fatto in casa: fate macerare alcune foglie di menta nell’aceto e diluite la soluzione in un po’ d’acqua prima di nebulizzarla per la casa.
  • Barriere che impediscono l’accesso in casa alle mosche, come reti da apporre a porte e finestre oppure l’olio di lavanda strofinato sulle vie d’ingresso.

 

Disinfestazione mosche: lotta chimica

In alcuni casi l’infestazione da mosche può richiedere l’intervento di una disinfestazione professionale e l’utilizzo di prodotti chimici per combattere le mosche sia allo stato larvale che adulto. L’aspetto principale è la sicurezza nell’utilizzo di questi prodotti, per questo il disinfestatore vi consiglierà sulla loro corretta applicazione, che avvenga nel rispetto della salute delle persone e dell’ambiente. Sono 3 i principi attivi solitamente usati contro le infestazioni da mosche:

  • l’azemethiphos, una sostanza molto potente che agisce rapidamente;
  • l’imidacloprid, sostanza incorporata in granuli che fanno da esca per le mosche;
  • la cyromazina, larvicida in grado di interrompere il ciclo biologico delle larve di mosca.

 

Torna alla lista degli articoli
Top