Blatte e scarafaggi, le domande più comuni - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Blatte e scarafaggi, le domande più comuni

Blatte e scarafaggi: domande frequenti

 

Le blatte, comunemente note come “scarafaggi” sono fra le creature più antiche esistenti sul nostro pianeta e il loro successo evolutivo è dovuto al fatto che presentano un ciclo riproduttivo estremamente prolifico la cui durata, sotto l’influenza di fattori microclimatici (temperatura, umidità, disponibilità di cibo) è in grado di adattarsi alle più svariate condizioni ambientali.

Sono insetti gregari maggiormente attivi durante le ore notturne. La forma estremamente appiattita e la microstruttura degli arti consente a questi insetti di attraversare fenditure di pochi millimetri e di nascondersi facilmente.

Questi insetti si sono si sono adattati benissimo agli ambienti urbani, sviluppando per altro una straordinaria resistenza alle sostanze tossiche e ai detergenti utilizzati per sanificare gli ambienti abitati dall’uomo.

Di seguito le risposte alle domande più comuni su questo argomento, con riferimento particolare alla disinfestazione da blatte o scarafaggi in ambiente domestico.

Le blatte danno morsi alle persone?

Benché possano comportarsi occasionalmente da predatori, le blatte sono insetti onnivori che si nutrono a carico della materia organica presente nell’ambiente.

D’altra parte il loro ruolo ecologico è strettamente collegato al riciclo del materiale organico di rifiuto di altri organismi, che altrimenti non sarebbe riutilizzato.

Questa caratteristica si manifesta anche con atteggiamenti di necrofagia nei confronti di individui cospecifici. Le blatte pertanto, sebbene possiedano mandibole molto robuste, non sono verosimilmente in grado di provocare morsi a carico delle persone o degli animali.

Non bisogna confondere ovviamente il morso col semplice contatto con la blatta, la quale, avendo un esoscheletro rigido fatto di chitina può certamente dare una sensazione al tatto simile a una puntura, ma si tratta in genere di contatti senza conseguenze.

Il contatto con le blatte, benché non pericoloso in sé, è sicuramente poco igienico. Certamente più pericolosa risulta tra l’altro la contaminazione di alimenti, superfici e bevande che possano essere poi ingeriti dall’uomo.

Ambienti infestati dalle blatte, inoltre, risultano inospitali per soggetti ipersensibili o asmatici in quanto i residui chitinosi degli insetti (ali, zampe, antenne, etc…) e le loro deiezioni aumentano il rischio di gravi attacchi d’asma.

Come capisco se ho un’infestazione da blatte?

Poiché le blatte hanno abitudini principalmente notturne, in assenza di sistemi di monitoraggio idonei, è difficile rendersi conto della presenza di questi insetti.

Quando vengono avvistati individui adulti anche in orario diurno, è molto probabile che il sito sia già parecchio infestato. Gli ambienti domestici dove le blatte si nascondono più volentieri sono quelli caldo-umidi come le cucine e i bagni, oppure freschi e bui come i ripostigli, le cantine, soffitte, mansarde, garage, magazzini, al di sotto dei mobili dove si trovano gli scarichi delle cucine e dei bagni.

Un esperto è in grado di ispezionare con scrupolo i potenziali siti di sviluppo delle blatte all’interno di case e condomini. Si deve sempre ricordare che le blatte utilizzano preferibilmente la parete esterna delle tubature idrauliche per risalire verso gli appartamenti.

È sbagliato pensare che le blatte arrivino direttamente dalla parte interna degli scarichi, esse possono però tornare verso il cavo della tubatura alla ricerca di acqua e materiale organico (per questo motivo si trovano frequentemente blatte all’interno di lavandini, piani doccia, vasche, etc…).

Alcune specie di blatte, in particolar modo la Blattella germanica, rilasciano un odore acre e lievemente fruttato nell’ambiente quando la loro presenza è massiccia.

È possibile, inoltre, trovare segni di presenza delle blatte e in particolare ooteche, ovvero piccoli astucci marroncini delle dimensioni di qualche millimetro visibili ad occhio nudo che rappresentano astucci contenenti le uova delle blatte, oppure le loro feci, visibili come piccoli puntini scuri intorno ai luoghi frequentati dalle blatte.

Perché dovrebbe interessarmi quali tipi di blatte esistono in Italia?

È molto importante conoscere quale o quali specie di blatte sono responsabili di un’infestazione dentro casa, in quanto questo aiuta sicuramente a individuare le fonti di infestazione, i siti da trattare e la tipologia di interventi da intraprendere.

Queste valutazioni, qualora fatte con l’ausilio di un professionista esperto sono certamente di valido aiuto nell’individuazione di una soluzione rapida ed efficace.

Ci sono gli scarafaggi volanti?

Le blatte sono dotate di ali, in genere maggiormente sviluppate e visibili nei maschi. Tuttavia, difficilmente spiccano lunghi voli, per cui la loro capacità di spostarsi volando è molto ridotta.

La maggior parte delle blatte invece si spostano rapidamente correndo e arrampicandosi, sfruttando anche superfici apparentemente lisce e impraticabili grazie alla complessa struttura delle loro zampe.

Posso eliminare le blatte da solo? Quali insetticidi posso utilizzare?

La presenza sporadica di una blatta in ambienti come cantine, giardini, soffitte, può essere affrontata mediante l’uso di comuni insetticidi spray o trappole a cattura.

Tuttavia, deve essere considerata un campanello d’allarme e indurre a controllare l’ambiente con frequenza per individuare ulteriori segni di presenza. Ad infestazione avvenuta è sempre consigliabile l’intervento di un professionista.

L’applicazione di prodotti pronto uso disponibili alla libera vendita, infatti, potrebbe dare risultato insoddisfacente o solo temporaneo. È invece molto importante applicare sin da subito alcuni accorgimenti preventivi:

  • Ridurre le fonti d’acqua e cibo specialmente in aree come cucine, bagni, zone in cui vengono manipolati e conservati alimenti, mantenendo questi ultimi preferibilmente in contenitori ben sigillati.
  • Svuotare regolarmente la spazzatura ed evitare di mantenere sacchetti fuori dai contenitori. Mantenere sempre chiuso il coperchio dei contenitori dei rifiuti.
  • Pulire scrupolosamente l’ambiente abitato assicurandosi di rimuovere con cura il materiale organico che si deposita su pareti, pavimenti, elettrodomestici, cucine, cappe, arredi, aree al di sotto di pedane e/o dietro intercapedini. Gli ambienti dove le blatte si sviluppano non devono essere necessariamente molto sporchi in quanto è sufficiente poca materia organica per il loro sostentamento. Laddove possibile abbinando l’uso del vapore secco a 180°C dopo rimozione dello sporco si ottiene anche un ottimo livello di sanificazione microbiologica degli ambienti.
  • Sigillare possibili vie d’entrata dal circuito fognario e dalle aree esterne, valutando la necessità di applicare sistemi anti-intrusione a livello degli accessi (spazzole o gomme anti-intrusione al di sotto delle porte o lungo gli stipiti laterali).
  • Applicare un sistema di monitoraggio efficiente mediante posizionamento di trappole a cattura in punti critici di controllo per il rilevamento precoce di presenza degli infestanti.
  • Qualora ci fossero segni evidenti della presenza di blatte, è bene contattare un esperto del settore o una ditta specializzata in modo da programmare interventi idonei al tipo di problema. È generalmente sconsigliato ricorrere a metodi “fai-da-te”.

Cosa sono i servizi anti-blatte?

I servizi antiblatte sono opere professionali che mirano ad eliminare la presenza sgradita degli insetti infestanti combinando sia interventi di disinfestazione che idonei interventi di prevenzione.

Questo tipo di servizi punta alla risoluzione reale del problema che deve essere necessariamente basata su un approccio integrato utilizzando sistemi di prevenzione, monitoraggio, disinfestazione ed è pertanto fondamentale affidarsi a professionisti del settore.

L’offerta di questo tipo di servizi è chiaramente variabile a seconda delle dimensioni del sito in cui si interviene e della severità del problema che si presenta, per cui è sempre consigliabile richiedere un sopralluogo tecnico specifico ad un disinfestatore professionale.

Si tratta di un’offerta di interventi fondamentale in caso di disinfestazioni di scarafaggi in casa così come nelle attività commerciali, a tutela della salute e dell’igiene.
.

Torna alla lista degli articoli
Top