Attenzione al ragno violino - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 87 9586 oppure scrivici

Attenzione al ragno violino

ragnatela-min

La storia di Alessia, una trentenne romana morsa poco tempo fa da un ragno violino è una storia, purtroppo, molto comune in questi ultimi tempi. Il pericoloso veleno di questo piccolo insetto, infatti, sta gettando nel terrore tutto il Paese. Tuttavia, si dovrebbe prendere la storia di Alessia come un monito per fare maggiore attenzione e per avere una maggiore prontezza di riflessi qualora si dovesse avere un incontro ravvicinato con questo ragno che, ricordiamo, tra i ragni presenti nel nostro paese e tra i tipi di ragni in casa è tra i più pericolosi e diffusi.

 

Ragni pericolosi: il ragno violino

 

La romana Alessia racconta qualche settimana fa la sua disavventura, e lo fa adesso che sta bene, ma la paura è stata tanta. La donna è stata punta dal ragno violino sul malleolo. Li per li non si era resa conto della gravità della situazione, anche perché i morsi di questo ragno, in principio, non danno dolore e difatti aveva avvertito solo un leggero pizzico. Durante la notte, però, la caviglia ha iniziato a prudere e il collo del piede si è gonfiato.

ragno-violino-e-ferita--minAll’indomani il piede ha continuato a gonfiarsi e la donna ha cercato di porvi rimedio con una crema antistaminica. Un’amica di Alessia però, avendo visto in che condizioni si trovava il piede, ha prontamente deciso di chiamare il centro antiveleni del Gemelli. Grazie a questo la donna ha potuto salvarsi.

A 8 ore dalla puntura, la donna ha iniziato a stare davvero male. Oltre al dolore locale sul piede, che iniziava ad acuirsi, la donna ha avuto forti attacchi di vomito e di diarrea. Si è così vista costretta a recarsi al Gemelli dove è stata trattenuta per tre giorni e sottoposta a cure antibiotiche e cortisoniche.

A causare tutti questi malesseri è stato il morso del ragno violino.

 

Conosciamo il ragno violino

 

Il ragno violino, il cui nome scientifico è Loxosceles rufescens, è tra i ragni italiani più velenosi. Questo ragno ha un colore marrone-giallastro, ha lunghe zampe e una dimensione di circa 7 mm nel maschio e di 9 mm nella femmina. La specie è di origine mediterranea e si è praticamente diffuso in tutto il bacino, con predilezione delle zone più calde.

Solitario, ama gli ambienti particolarmente nascosti. Non si tratta, infatti, di un ragno aggressivo, al contrario, è molto schivo e nel caso di incontro fortuito con l’uomo tende a scappare invece che attaccare, tuttavia questo non significa che, sentendosi minacciato o spaventato, non possa pungere.

Di preferenza lo troviamo nelle soffitte, all’interno di cassetti contenenti la biancheria, dietro i battiscopa, o all’esterno nelle campagne tra l’erba o sotto pietre e dentro fessure delle rocce. Il ragno violino, caratterizzato da una macchia che ricorda, per l’appunto, un violino, ha abitudini notturne.

 

Caratteristiche del morso

 

Come abbiamo visto nel caso della donna romana, il morso del ragno violino in principio è indolore, per cui si rischia di non accorgersi subito di essere stati morsi. Questo è molto grave perché non permette sempre di intervenire rapidamente e di contenere così la sua pericolosità. A distanza di alcune ore, però, i sintomi sono più chiari.

ragno-minCompare una lesione arrossata che diventa mano mano sempre più pruriginosa. Poi dal prurito si passa al  bruciore e si inizia ad avvertire anche un certo formicolio. Dopo circa 48-72 ore compaiono gli altri sintomi testimoniati dalla donna di Roma, e inoltre la zona colpita può diventare necrotica e ulcerarsi.

Infatti, il morso del ragno violino può veicolare all’interno dei tessuti dei batteri anaerobi che, se si sviluppano, complicano il normale decorso della lesione. Il risultato? Fasciti necrotizzanti, i tessuti muoiono con la necessità, qualora fosse il caso, di rimuoverli, quindi con amputazioni. Fortunatamente questo non accade spesso, tuttavia è un’eventualità che si deve conoscere.

Tra gli ulteriori sintomi del morso del ragno violino ci sono anche febbre, ecchimosi, rash cutaneo fono a danni muscolari anche gravi, danni ai reni ed emorragie. Il morso può invece essere letale per chi ha una condizione di salute debilitata o compromessa da altre patologie.

 

Cosa si deve fare se si viene morsi dal ragno violino

 

Ovviamente la cosa fondamentale è sempre prevenire eventuali morsi, vediamo in seguito cosa si dovrà fare a proposito, intanto però cerchiamo di dare qualche consiglio utile da attuare nell’immediato dopo essere stati morsi.

La prima cosa che serve sapere è chi ha causato il morso, quindi se si riesce a vedere il colpevole, sarebbe bene catturarlo in modo da mostrarlo al personale sanitario. Il ragno può essere molto utile anche se viene ucciso, così si potrà identificare la specie a cui appartiene. Se si ritiene di essere stati punti da un ragno violino si deve immediatamente lavare il morso con dell’acqua e del sapone.

Si deve chiamare il centro antiveleni in modo da poter descrivere al meglio le circostanze in cui si è stati morsi o, se si possiede l’esemplare, descrivere bene il ragno. Si devono poi descrivere accuratamente i diversi sintomi che si sono manifestati. Nel caso del morso del ragno violino attorno alla zona del morso compare una lesione che va iscurendosi col passare delle ore.

 

Prevenire i morsi del ragno violino

 

Come abbiamo anticipato prima, il morso del ragno violino deve essere prevenuto. Ma come? Abbiamo visto che di per sé questo ragno non è aggressivo, tuttavia, in determinate circostanze può arrivare a pungere, con tutte le conseguenze di cui abbiamo parlato. Quando il ragno violino entra in casa, la prima cosa che fa è trovare un rifugio adatto.

Proprio questo è il momento in cui diventa potenzialmente pericoloso. Il ragno può nascondersi sotto le coperte, tra la biancheria intima conservata nei cassetti, all’interno di guanti o di scarpe, ma anche tra le scatole, dietro i battiscopa. Spaventarlo inavvertitamente significa, quasi certamente, essere punti se non ci si allontana tempestivamente.

Si devono quindi prendere delle precauzioni. Se si ha la necessità di prendere delle vecchie scatole o delle scarpe, o della biancheria o indumenti che non si usano da qualche tempo, è bene indossare dei guanti, i ragni violino, infatti, non riescono a mordere sul guanto fino a raggiungere la pelle. Gli oggetti devono essere scossi per bene prima di essere riposti e questo lavoro va fatto con tutto ciò che è stato conservato per un certo periodo di tempo in luoghi appartati e bui.

Prima di infilarsi nel letto è necessario sbattere bene le lenzuola e le coperte, controllando tutto, incluse scarpe e pantofole al loro interno prima di indossarle, dato che il ragno violino potrebbe esservi entrato all’interno durante la notte.

Non fatevi prendere dalla fobia si tratta di semplici precazioni che diventano però d’obbligo se nella vostra zona siano stati avvistati ragni violino. Ora invece vediamo come fare affinché questo insetto non entri nelle nostre case.

 

Come si previene la presenza del ragno violino nelle case

 

ragno-violino-minIl ragno violino, così come altri insetti infestanti che ci ritroviamo per casa, viene attratto dalla presenza di cibo e dalla necessità di avere un riparo caldo. Nel caso di questo insetto si deve fare attenzione a eliminare quotidianamente gli insetti morti che possono esserci in casa. Basti pensare alle mosche o alle zanzare che, per il ragno, sono una preziosa fonte di cibo.

Il ragno vilino non bussa alla porta, ma accede alle vostre case mediante i condotti di ventilazione, gli spazi situati sotto i raccordi, eventuali spazi nell’intercapedine delle porte e delle finestre. Insomma, le possibilità per accedere all’interno delle abitazioni, in particolar modo quelle di campagna, sono diverse. Ma cosa si può fare oltre alla pulizia quotidiana?

Purtroppo le uniche difese sono questa e la chiusura di eventuali fessure o spazi che possono permettere al ragno di accedere all’interno e il posizionamento di zanzariere.

 

Come si elimina il ragno violino da casa e dal giardino

 

Una volta che il ragno violino è entrato in casa non resta che porvi rimedio rapidamente. Se non si sa quanti possano essere gli esemplari si dovrà ricorrere alle migliori tecnologie per la disinfestazione perché i ragni possono riprodursi abbastanza rapidamente.

L’accoppiamento tra maschio e femmina, di solito, avviene sulla ragnatela. Il maschio corteggia la femmina per un breve periodo e poi la feconda. Dopo due settimane circa, la femmina depone le uova nel nido che si costruisce a terra. I piccoli nascono dopo circa 10 giorni e dopo un anno hanno raggiunto la maturità sessuale.

Un’infestazione importante di questo tipo di ragno la si può avere quindi in case abbandonate, o vecchie cantine o soffitte in cui raramente si va. Se ci si trova in una di queste situazioni è bene chiamare subito una ditta di disinfestazione che possa effettuare un sopralluogo professionale e valutare così i rischi.

Una volta capito il problema si potrà pianificare il miglior piano d’azione per quel singolo caso. Solitamente uno dei metodi per eliminare in modo efficace questo tipo di infestazione è il gas con piretroidi in dose concentrata, qualora il ragno sia nascosto, e dunque questa fase serve per stanarlo.

Se invece il ragno è facilmente accessibile si spruzza il piretroide direttamente su di lui. Questo prodotto deve essere di norma anche spruzzato in eventuali fessure e in tutti i luoghi in cui si è notata la presenza del ragno.

Dopo queste fasi si deve effettuare un’accuratissima pulizia con degli aspiratori e un secondo trattamento per sicurezza. Nel giardino va effettuato un controllo accurato e si deve agire anche su tutta la vegetazione circostante. Questi prodotti possono essere usati in modo dì sicuro ed efficace solo da una ditta di disinfestazioni seria.

 

L’allarme a Roma

 

Nel quartiere sud di Roma ci sono state diverse segnalazioni della presenza del ragno violino, tanto da scatenare un vero e proprio allarme, in particolar modo nella zona dell’Ardeatina e via Laurentina. Chi abita da queste parti è bene non corra rischi e chieda subito l’intervento dei professionisti.

Torna alla lista degli articoli
Top