Stop alle zanzare con la trappola fai da te - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Stop alle zanzare con la trappola fai da te

L’estate è ormai arrivata e come ogni anno ricorrente è il fastidio prodotto dalle punture delle zanzare che ci rovinano serate all’aperto o addirittura ci costringono ad una notte in bianco. E’ vero che in commercio esistono molti prodotti, per grandi e bambini, per combattere questi insetti ma è altrettanto vero che non sempre il risultato ottenuto combacia con quello sperato.

Esiste allora un rimedio? Magari con qualcosa realizzato con le proprie mani? La risposta è sì. Anche se precisiamo che il problema non viene risolto completamente ma almeno per la maggior parte. Vediamo quindi come realizzare una trappola per zanzare fai da te.

Le varianti al procedimento che illustremo sono diverse ma riguardano essenzialmente altri tipi di insetti come api e vespe, che ricordiamo però essere degli insetti molto utili in natura e per l’intero ecosistema per cui forse è il caso di allontanarli con altri sistemi.

Illustreremo come realizzare una trappola antizanzare con una semplice bottiglia di plastica. Per fare ciò, oltre alla bottiglia sono necessari dello zucchero, del lievito e dell’acqua. Sembra davvero strano, vero? E invece il risultato è garantito.

Come costruire

Partiamo ora con la realizzazione vera e propria.

Prendiamo una bottiglia della capienza di 1,5 litri e tagliamola a circa tre quarti della sua altezza; a questo punto prendiamo la parte dove c’è “il collo” della bottiglia capovolgiamola e inseriamola nella “base” della bottiglia avendo cura poi di incollare le due parti preferibilmente con il silicone o in alternativa con della semplice colla o del nastro adesivo.

In questo recipiente così ottenuto dovremo inserire poi una soluzione che servirà effettivamente per tenere lontane le zanzare. Questa soluzione sarà preparata miscelando 200 ml di acqua (che dovrà essere assolutamente calda), 4 cucchiai di zucchero e 1 cucchiaino di lievito.

Il principio per cui viene preparata questa miscela è molto semplice: il lievito a contatto con lo zucchero reagirà producendo anidride carbonica che attirerà le zanzare che “fiuteranno” la presenza di cibo chiudendosi da sole nella bottiglia e non riuscendo più a uscirne fuori.

Un’alternativa a questo metodo di costruzione della nostra trappola contro le zanzare prevede che dopo il taglio della bottiglia, si metta direttamente lo zucchero nella base della bottiglia e successivamente si versi l’acqua calda mescolando l’acqua in modo da facilitare lo scioglimento dello zucchero e successivamente si metta il cucchiaino di lievito senza mescolare. Solo a questo punto si procederà con l’inserimento dell’altra metà della bottiglia in modo da creare il nostro contenitore.

Anche in questo caso il principio che attrae le zanzare verso la bottiglia resta immutato.

Consigli utili

Varianti alla costruzione della trappola possono essere più che altro definite come degli accorgimenti. Si può infatti procedere con dei forellini nella parte alta della bottiglia in modo da creare una fuoriuscita maggiore dell’essenza che attira gli insetti. Altro consiglio che si può fornire è quello di posizionare questi contenitori in punti strategici in modo da poter “mietere” quante più vittime possibili senza però tralasciare un minimo di sicurezza, soprattutto se sono presenti dei bambini.

Infine si può anche prendere in considerazione l’idea di non tralasciare un minimo di estetica per la nostra trappola in modo da avere un prodotto che sia anche bello da vedere, con delle decorazioni o disegni applicati. Il sistema può sembrare banale ma invitiamo tutti a costruire almeno una bottiglia per constatare che dopo pochi minuti già sono presenti le prime zanzare intrappolate

Torna alla lista degli articoli
Top