Lotta alle zanzare, sfatiamo 7 miti molto comuni - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Lotta alle zanzare, sfatiamo 7 miti molto comuni

Le zanzare, un problema pruriginoso

Le zanzare sono piccoli insetti fastidiosi presenti soprattutto d’estate, che si nutrono di sangue (umano e animale) attraverso piccole punture che causano prurito e lieve irritazione.Mentre la zanzara nostrana punge solo durante la notte, negli ultimi anni si è assistito alla comparsa della zanzara tigre (Aedes albopictus) di provenienza africana e orientale, che è attiva soprattutto durante il mattino e la sera.

Le zanzare della specie Culex, Anopheles e Aedes sono in grado di trasmettere malattie anche gravi.
Ogni estate l’essere umano si ingegna nella ricerca di nuovi metodi per liberarsi dalle fastidiose zanzare: molti di questi si è scoperto essere inutili, se non addirittura dannosi nei confronti di altre specie. Molti metodi errati si basano su una cattiva conoscenza della biologia e del ciclo vitale delle zanzare, che sono molto particolari.

7 false credenze sulle zanzare

  1. Fornelletto elettrico.
    Si ritiene che le zanzare, come le falene, siano attirate da una fonte luminosa, posta all’interno di una griglia elettrica. In realtà, le zanzare usano sì la luce per orientarsi, ma ciò che le attira è l’anidride carbonica emessa dall’essere umano durante la respirazione: quindi, le lampade uccidono insetti non solo innocui, ma che si cibano delle zanzare. Inoltre, i resti degli insetti fulminati possono diffondere virus e batteri.
  2. Olio di citronella.
    L’olio di citronella è un estratto naturale dall’azione decisamente sopravvalutata. Oltre ad essere efficace solo nelle vicinanze della candela, il vento ne disperde i vapori; anche i preparati da applicare sulla cute evaporano molto velocemente.
  3. Zampironi.
    Gli zampironi sono spirali imbevute di insetticidi che bruciano per lungo tempo. Sono utili solo in ambienti chiusi e sono tossici anche per l’essere umano: si calcola che una sola spirale rilasci una quantità di particelle tossiche pari a quella di più di 100 sigarette.
  4. Dispositivi a ultrasuoni.
    E’ credenza comune che i dispositivi sonori che emettono ultrasuoni siano insopportabili per le zanzare; in realtà, numerosi studi provano che questi repellenti sonori sono totalmente inefficaci.
  5. Preferenza per il sangue dolce.
    Alcune persone vengono punte più di altre dalle zanzare, ma ciò non è dovuto a un sangue più ricco di zuccheri: infatti, la zanzara nel sangue cerca solamente le proteine necessarie alla crescita delle uova. La spiegazione del perché alcune persone siano perseguitate più di altre risiede nel fatto che ognuno presenta sulla cute peculiari composti che conferiscono un odore personale: alcuni odori, probabilmente, attirano di più gli insetti.
  6. Pesci rossi.
    Spesso viene consigliato di tenere in giardino un piccolo laghetto con dei pesci rossi, per contrastare la produzione di uova delle zanzare. I pesci rossi però contribuiscono ben poco: le zanzare infatti richiedono pochissima acqua per riprodursi, sono sufficienti un sottovaso o un tombino per depositare centinaia di piccole uova. Più che i pesci rossi, è utile aumentare la biodiversità dell’ecosistema, introducendo larve di libellula, che si nutrono delle uova.
  7. Fumo di sigaretta.
    Il fumo di sigaretta infastidisce temporaneamente le zanzare, ma la protezione è temporanea e limitata al momento in cui si fuma; non è quindi il caso di iniziare a fumare d’estate per difendersi dalle zanzare.
Torna alla lista degli articoli
Top