Disinfestazione zanzare, consapevolmente ed in modo ecologico - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Disinfestazione zanzare, consapevolmente ed in modo ecologico

Con l’arrivo dei periodi più caldi, torna a farsi sentire uno degli insetti che più riesce ad infastidire la popolazione tutta, la zanzara. La disinfestazione delle zanzare è un problema piuttosto diffuso e negli ultimi anni è notevolmente cresciuto, specie nei centri abitati più grandi come le città. Ciò richiede servizi più mirati e specifici, sia per quel che concerne il monitoraggio, sia per quel che riguarda lo stesso processo di disinfestazione. Per molte persone il consueto ritorno di questo insetto, diventa un vero e proprio incubo, in particolare nelle ore serali e nel corso della notte.

Tipologie di zanzara.

Tra le varie specie di zanzara che è sovente incontrare, queste le più diffuse nel nostro Paese:

  • Culexpipiens, ossia la zanzara comune. Vive nei centri abitati e di notte passa all’azione. La femmina è colei che punge il genere umano e gli animali a sangue calco. Il sangue le occorre per produrre uova.
  • Aedesalbopictus è la cosiddetta zanzara tigre. Essa è molto aggressiva e agisce anche durante il giorno. Punge in maniera veloce e fugge altrettanto velocemente.
  • Aedescaspius è il tipo di insetto che vive nelle coste e nelle pianure, ma si sposta per chilometri raggiungendo facilmente i centri abitati. Le uova hanno una grande resistenza ciò favorisce la diffusione.

Conoscere la specie rende più agevole il processo di disinfestazione delle zanzare.

Tecniche di disinfestazione: antilarvali e adulticide.

Le tecniche di disinfestazione della zanzara sono principalmente due e possono essere attuate una dopo l’altra. Quella antilarvale è la prima, e dal nome è già possibile dedurre che l’oggetto preso di mira è la larva. Nella tecnica adulticida invece, a fare da bersaglio è la zanzara adulta. Illustriamo di seguito le due tipologie, analizzandone le caratteristiche principali, i pro e i contro.

Per quel che concerne le tecniche antilarvali, il periodo in cui vengono svolte è tra Marzo e Aprile. Mediante delle compresse antilarvali si agisce nei luoghi di prolificazione. L’impatto sull’ambiente è minimo e la quantità di larve distrutte è ampia. Per una disinfestazione di successo è necessaria un’analisi attenta dell’area dove intervenire ed evidenziare tutte le zone di ristagno dell’acqua, i cosiddetti focolai. Ciò fa si che le potenziali zanzare vengano eliminate in poco tempo e con modesta quantità di insetticida. In base al principio attivo contenuto nell’insetticida si ha una persistenza variabile, che può andare dai 7-10 giorni fino 30.

Superata questa fase, nel periodo che da Aprile arriva ad Ottobre, si opera sugli esemplari di zanzara adulti. La tecnica praticata in questo tipo di disinfestazione della zanzara è detta adulticidio e impiega l’uso di prodotti specifici diluiti in acqua. Con una nebulizzazione attraverso un atomizzatore che arriva fino a 20 metri di altezza, le microscopiche gocce d’acqua vengono sparse nell’aria e nella vegetazione. Questo intervento è un pò più invasivo per l’ambiente, per questo è sempre preferibile agire sulle larve.

Importante in questa fase sarà individuare la specie della zanzara così da poter stabilire la cadenza e l’orario in cui effettuare l’intervento. Il contatto tra zanzara e isetticida può avvenire per contatto diretto, una goccia che colpisce l’insetto al volo, oppure indiretto, la zanzara si posa su un terreno sul quale è sparso l’insetticida.

Accorgimenti e curiosità sulla disinfestazione delle zanzare

Quando si agisce una disinfestazione zanzare in aree esterne è importante fare si che il getto dell’insetticida sia volto verso i posti nei quali le zanzare possano trovare un riparo fresco e all’ombra, quali siepi e cespugli. Trattare le chiome degli alberi superiori ai 4 metri di altezza può verificarsi inefficace. Infatti a questa quota il sole, la poca umidità e il vento non consentono alla zanzara di sostarvi a lungo. Inoltre è sempre bene definire e circoscrivere le aree nelle quali effettuare la disinfestazione.

Nella lotta a questi insetti in una zona vasta è importante la centralità dei campionamenti, essi infatti individuano e determinano i tempi dell’azione e la durata della stessa. Tutto ciò ovviamente va a vantaggio della popolazione soggetta a questi insetti e favorisce maggiore efficacia.

Le varie tipologie di inseticida sono molteplici. Vi è quella che presenta un’azione rapida ma poco persistente. Quella che porta ad un abbattimento veloce dell’insetto ma solo sul momento. Ed infine quella che può uccidere le zanzare anche a distanza di alcuni giorni ed avere un vero e proprio effetto repellente.

Caratteristiche dei prodotti usati nella disinfestazione delle zanzare.

I prodotti usati in questo processo, presentano di norma caratteristiche comuni. Il grado di tossicità infatti generalmente è basso così come l’impatto che hanno sull’ambiente. Tali prodotti devono essere registrati presso il Ministero della Salute. Sono un presidio medico chirurgico e possiedono una scheda tecnica che ne illustra le modalità secondo cui possono essere diluiti.

Torna alla lista degli articoli
Top