Derattizzazione senza rischi: sistema ecologico di cattura topi - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Derattizzazione senza rischi: sistema ecologico di cattura topi

La derattizzazione è un’operazione delicata che deve essere portata a termine con molta attenzione. I metodi tradizionali, basati sull’utilizzo di veleni, sono efficaci ma allo stesso tempo possono comportare alcuni rischi. Per questo motivo l’utilizzo di nuove tecniche ha permesso di sviluppare un sistema ecologico di cattura topi, che consente di eliminare i topi senza dover ricorrere all’utilizzo di sostanze chimiche potenzialmente dannose.

Come funziona il sistema ecologico di cattura topi

Mentre le tecniche tradizionali si basano sull’utilizzo di veleni per uccidere i topi, questo sistema prevede ‘utilizzo di trappole con esche alimentari non trattate chimicamente.
Le trappole sono costituite da scatole in plastica che vengono posizionate dagli operatori specializzati nei punti strategici dell’ambiente da disinfestare. All’interno delle scatole viene posta l’esca alimentare, basata su semi di girasole, che attira gli animali spingendoli ad entrare. La trappola è infatti provvista di un ingresso, da cui è possibile entrare, ma grazie al meccanismo dell’ingresso non è possibile uscire.

Grazie a questo sistema gli animali entrano nella trappola ma non possono più uscirne. L’operatore specializzato si occupa a questo punto di rimuovere le carcasse degli animali quando necessario, in modo da assicurare l’igiene e la continuata efficacia dell’operazione di trappolamento.
Nel corso dell’intera operazione non vi è nessuna fase che viene condotta con l’ausilio di veleni e altre sostanze chimiche.

I vantaggi del sistema ecologico di cattura topi

I vantaggi di questo sistema rispetto alle tecniche tradizionali sono molteplici. Il fatto che non vengano utilizzati veleni implica chiaramente che c’è un enorme vantaggio sul piano ambientale. I veleni applicati alla derattizzazione infatti rischiano di colpire non solo i topi. Infatti trattandosi di un sistema generalista, colpisce non solo gli animali target, ma rischia di colpire anche altri animali che potrebbero essere attratti dalle esche chimiche come cani, gatti o altri piccoli animali. Può anche capitare che il veleno venga sparso accidentalmente e vada a contaminare l’ambiente.

Con il sistema ecologico tutto questo non avviene. La sicurezza è garantita dall’assenza di queste sostanze e quindi il rischio di ingestione accidentale o di contaminazione è eradicato alla fonte. Il sistema è quindi più rispettoso dell’ambiente non solo naturale, ma anche domestico.

L’utilizzo delle trappole nel sistema ecologico inoltre fa si che non si vada incontro alle spiacevoli conseguenze legate al fatto che i veleni non uccidono immediatamente gli animali. I topi infatti dopo aver ingerito il veleno restano in vita e si spostano, finendo spesso con il morire lontano dalla trappola velenosa, magari proprio in casa.

La presenza più o meno random dei topi morti risulta rischiosa non solo per le ovvie ragioni sanitarie, ma anche per il fatto che le carcasse, contaminate dal veleno, possono essere mangiate da animali domestici che finiscono con il risentire essi stessi dei danni da avvelenamento.

Con il sistema ecologico invece i topi vengono attirati all’interno della scatola e non possono uscire, in questo modo le carcasse saranno tutte nello stesso posto, evitando così il rischio di contaminazione ambientale dovuta alla loro diffusione.

Torna alla lista degli articoli
Top