Derattizzazione professionale con interventi programmati e preventivi - Hampton
icona telefono Chiamaci subito! 06 89 879 586 oppure scrivici

Derattizzazione professionale con interventi programmati e preventivi

Cos’è la derattizzazione

Si tratta di un particolare tipo di disinfestazione mirata ad eliminare topi, ratti e surmolotti, risalente a migliaia di anni fa, quando veniva effettuata con veleni o sostanze tossiche. La derattizzazione è necessaria perché i ratti sono portatori di gravi patologie che possono attaccare l’uomo.

Una buona norma da rispettare è quella di non accumulare spazzatura e di tenere in ordine il proprio giardino. Per effettuare una disinfestazione dai ratti che sia efficace e duratura nel tempo, è necessario rivolgersi a ditte specializzate che grazie al loro personale esperto possono mettere in atto tutte le misure necessarie a svolgere una derattizzazione completa degli ambienti per cui viene richiesta.

Metodi di derattizzazione

Con il passare del tempo anche i sistemi di derattizzazione si sono evoluti e migliorati, soprattutto nel tipo di prodotti chimici utilizzati per realizzare le esche e le trappole. Spesso a classiche trappole con esche velenose con l’impiego di solfuro di zinco e solfato di tallio, vengono affiancati sistemi acustici a ultrasuoni che servono a tenere lontano i ratti.

Negli ambienti chiusi viene molto spesso eseguita una derattizzazione con gas venefici, come l’acido cianidrico e il bromuro di metile, molto tossici ma anche molto efficaci. Quando si utilizzano questi prodotti è necessario lasciare vuoto l’ambiente per almeno un paio di giorni.

La derattizzazione ecologica

Esistono inoltre dei trattamenti di tipo ecologico che utilizzano prodotti chimici a bassa tossicità per uomo e altri animali. Vengono installate apposite trappole per catturare i roditori e vengono costantemente monitorate. Inizialmente vengono impiegate esche non velenose per attirare i ratti e capire quanto è estesa l’infestazione per poter derattizzare completamente l’area.

Prodotti impiegati

Le sostanze chimiche impiegate nelle derattizzazioni contengono principi attivi molto potenti che portano il ratto alla morte innescando un’emorragia interna. Quelli più utilizzati nelle preparazioni chimiche topicida sono il Bromadiolone, il Dinafecoum e il Clorophacinone. In abbinamento vengono usati composti contenenti Calciferolo che provoca un’ipercalcemia, portando il ratto alla morte.

I prodotti chimici vengono studiati e realizzati in base al tipo di roditore, perché alcuni possono efficaci mentre per altri no, in ogni caso bisogna prestare attenzione a non toccarli con le mani e a non lasciare alimenti aperti in giro, che possono essere contaminati con il veleno a causa degli spostamenti del ratto.

Tipi di ratto

I ratti appartengono alla famiglia dei roditori, la stessa alla quale appartengono i topi comuni, i topi di campagna e i topi selvatici. Il ratto comune, di colore nero con la coda lunga, di solito infesta edifici elevati, ed è infatti chiamato il ratto nero dei tetti; il ratto marrone, o surmolotto, infesta preferibilmente invece ambienti sotterranei, collegati a fognature e tubazioni.

Entrambe le tipologie di ratto sono molto resistenti ai classici rodenticidi e la derattizzazione deve essere programmata e preventivata in precedenza, in modo da essere efficace e durevole nel tempo. Successivamente dovranno essere eseguite operazioni di monitoraggio per verificarne l’efficacia e pianificare eventuale interventi da svolgere per rendere la derattizzazione definitiva.

Ditte specializzate

In Italia esistono numerosissime aziende che effettuano la derattizzazione. Solitamente tra i servizi offerti viene offerta la possibilità di richiedere un preventivo in forma completamente gratuita, dopo la quale una squadra di tecnici specializzati effettueranno un primo sopralluogo di controllo per verificare come e quando intervenire per disinfestare un’abitazione o qualsiasi altro ambiente che necessiti di una derattizzazione.

Una volta identificata la provenienza dei roditori verranno installati appositi blocchi per il impedire il loro passaggio, tenendo in considerazione che cemento e metalli possono non essere sufficienti. E’ molto importante esaminare anche le aree circostanti per capire che tipo di interventi bisogna effettuare e capire quale sia la causa di questa infestazione da ratti.

E’ consigliabile fare verifiche in cantine, soffitte, magazzini e garage antistanti l’abitazione, oltre a controllare il sistema fognario, molto utilizzato dai ratti per muoversi liberamente.

Torna alla lista degli articoli
Top